Cerca
Dal
Al
Home Page - Notizie - Dettaglio articolo
La procura indaga su Aleotti
Articolo del 28 marzo 2014

da: www.firenze.repubblica.it


La procura di Firenze indaga sull'acquisto, nel 2012, di del 4% del Monte dei Paschi di Siena da parte della famiglia Aleotti, proprietaria del il gruppo farmaceutico Menarini. La partecipazione, costata 178 milioni, è recentemente scesa all'1% con una perdita dichiarata di 70 milioni. I magistrati fiorentini cercano di chiarire se il denaro utilizzato per l'acquisto delle azioni provenga dalla provvista di fondi "neri" accumulati in 30 anni dal patron Alberto Aleotti. Accuse che la famiglia ha sempre respinto e che avevano portato al sequestro di un miliardo e 120 milioni, poi annullato dal riesame e dalla Cassazione. "Siamo dispiaciuti ed amareggiati", dicono gli Aleotti riguardo all'indagine: "Il nostro investimento in Mps è avvenuto per supportare con la nostra visione industriale la terza banca italiana, fortemente legata al territorio toscano dove abbiamo la nostra testa e il nostro cuore e al cui rilancio teniamo particolarmente. E' stata un'operazione totalmente alla luce del sole comunicata ufficialmente alla Consob e agli organi di stampa".


Secondo le ipotesi al vaglio della procura che ha sempre contestato il reato di riciclaggio, anche il denaro usato per l'ingresso in Monte dei Paschi, ricostruisce oggi Repubblica sarebbe di provenienza illecita. All'origine ci sarebbe il deposito di una parte della somma dissequestrata presso la fiduciaria Ubs di Milano. Dalla stessa Ubs, in Svizzera, la famiglia Aleotti avrebbe ottenuto un prestito di 400 milioni garantito da quel deposito ed i magistrati fiorentini si appresterebbero ad una rogatoria nella Repubblica elvetica. La partecipazione in Mps fu acquistata dagli Aleotti attraverso la società Finamonte, iscritta al registro delle imprese nel marzo del 2012, pochi giorni prima dell'annuncio dell'ingresso nella banca. Socio unico di Finamonte, ricostruisce il quotidiano, è Alberto Aleotti.

"Gli indagati ad oggi non hanno ricevuto nessun atto ufficiale, appare comunque almeno singolare che possa ipotizzarsi un reimpiego di denaro in una attività finanziaria, quale è l'acquisto di azioni Mps, quando si tratta di un flusso di denaro che non solo è stato oggetto di scudo fiscale, e quindi di emersione legale a tutti gli effetti, ma soprattutto si tratta di denari che, come è ben noto, per due volte sono stati sequestrati e per due volte dissequestrati per decisione della Cassazione". Lo ha detto l'avvocato Alessandro Traversi, anche a nome del collegio difensivo della famiglia Aleotti proprietaria della multinazionale farmaceutica Menarini, a proposito degli accertamenti della procura di Firenze sull'acquisto del 4% di azioni di Mps nel 2012 da parte degli stessi Aleotti. "Dato e non concesso - ha continuato l'avvocato Traversi - che queste somme, come assume la procura, siano state oggetto di riciclaggio, non è possibile ipotizzare che le stesse somme di denaro diventino anche oggetto di reimpiego, perchè per giurisprudenza pacifica la loro utilizzazione successiva è considerata non punibile, si tratterebbe di un post fatto non punibile". Secondo l'avvocato Traversi "ci deve essere un punto fermo, altrimenti nessuno, mai, nè nipoti nè pronipoti, potrebbe mai utilizzare questi denari".

 

Tag articolo
#aleotti #azioni #mps
Condividi articolo