Cerca
Dal
Al
Home Page - Notizie - Dettaglio articolo
Mancini: i politici chiedevano sempre soldi
Articolo del 2 agosto 2013

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da AGI e Reuters - che ringraziamo - esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di questo sito, che rimane autonoma ed indipendente.


(AGI) - Siena, 2 ago. - Continue sollecitazioni politiche arrivavano alla Fondazione Mps per finanziarie la concessione di finanziamenti a progetti presentati da enti e associazioni senesi e non. Lo ha precisato il presidente della Fondazione Mps Gabriello Mancini nel corso dell'interrogatorio con i pm avvenuto nel luglio dello scorso anno.

Mancini ha detto di non ricordare "richieste esplicite" da parte dell'ex deputato del Pd ed ex sindaco Franco Ceccuzzi che "potevano eventualmente pervenire dagli uomini di riferimento di Ceccuzzi" che Mancini indica in Luca Bonechi, ex vicepresidente della Fondazione e in Alessandro Piazzi, attuale componente della deputazione amministratrice della stessa fondazione, che sta per essere rinnovata.
 

VERDINI PUNTO DI RIFERIMENTO MUSSARI NEL PDL

L'ex presidente di Banca Mps Giuseppe Mussari aveva "come punto di riferimento nel Pdl l'onorevole Verdini" ha detto Mancini.
  "Posso affermare che l'altra persona con cui Mussari aveva dei rapporti era Gianni Letta. Ricordo che Letta affermava che Mussari era il suo riferimento in banca, mentre il sottoscritto era il suo riferimento in fondazione". Mancini ha poi aggiunto che "Mussari aveva un cordiale rapporto anche con Veltroni quando questi divenne segretario del Pd".

Mancini ha anche sottolineato parlando delle nomine nelle societa' controllate dalla banca che vi era "una forte ingerenza dei partiti. La Fondazione - ha precisato - non esercitava alcuna ingerenza pur segnalando talvolta dei nominativi".

BERLUSCONI D'ACCORDO SU PISANESCHI E QUERCI IN CDA

Gianni Letta telefono' a Silvio Berlusconi per il via libera alla nomina nel cda di Banca Mps di Andrea Pisaneschi, in quota Pdl e di Carlo Querci come espressione dei soci privati. Lo stesso Letta richiamo' Mancini informandolo che il presidente "aveva dato il suo assenso". La nomina dello stesso Mancini e di Mussari "fu decisa dai maggiorenti della politica locale e regionale e condivisa dai vertici della politica nazionale".

Lo sponsor principale di Mancini per la nomina alla presidenza della Fondazione Montepaschi, nel maggio del 2006, secondo quanto ha riferito lui stesso ai magistrati senesi era Alberto Monaci, attuale presidente del consiglio regionale della Toscana, allora nella margherita, oggi Pd. Mancini ha dichiarato che Monaci gli riferi' che "era stato trovato un accordo con i diesse". Ai magistrati Mancini ha detto che alle riunioni di Siena sui temi della Fondazione e della Banca prendevano parte il deputato senese Franco Ceccuzzi, Graziano Battisti,segretario provinciale, il sindaco di Siena e il presidente della Provincis.

Mancini ha poi riferito che a Roma si svolse una riunione con l'onorevole Francesco Rutelli, alla quale anche lui era presente assieme all'allora onorevole Alberto Monaci, all'onorevole Antonello Giacomelli e a Battisti. Fu Rutelli a dare il via libera all'accordo che gli era stato prospettato.

MUSSARI, NON ESCLUDO DI AVER PARLATO DELL'OPERAZIONE ANTONVENETA

"Non ricordo, ma non posso escluderlo, di aver parlato ne' con Ceccherini ne' con Cenni e, se l'ho fatto, non l'ho fatto per violare la norma in contestazione, ma perche' ritenevo che cio' fosse collegato alle funzioni istituzionali da costoro e da me ricoperte". Lo ha sostenuto l'ex presidente di Banca Mps Giuseppe Mussari interrogato a lungo dai Pm titolari delle inchieste su Banca Mps svoltosi il 15 febbraio scorso in merito all'accusa di insider trading perche' avrebbe comunicato prima dell'ufficializzazione la conclusione dell'operazione Antonveneta da parte di Banca Mps all'allora sindaco di Siena Maurizio Cenni, al presidente della provincia Fabio Ceccherini e a Enrico Bombieri, responsabile dell'investment banking di JP Morgan.

NUOVA INCHIESTA COLLEGATA AL SUICIDIO ROSSI

I pubblici ministeri senesi Aldo Natalini e Nicola Marini hanno aperto un nuovo fascicolo collegato alla morte di David Rossi, gia' responsabile dell'area comunicazione di Banca Mps avvenuta il sei marzo scorso. I magistrati secondo quanto si apprende da fonti vicine all'inchiesta, hanno preso la decisione dopo la pubblicazione di alcune mail che Rossi aveva inviato all'amministratore delegato di Banca Mps Fabrizio Viola. Due persone sarebbero state iscritte nel registro degli indagati.
  Per il suicidio di Rossi i pm hanno chiesto l'archiviazione al Gip.


Mancini nei verbali ai pm: io e Mussari scelti da politica

ROMA, 2 agosto (Reuters) - La nomina di Gabriello Mancini alla guida della Fondazione Banca Mps e di Giuseppe Mussari alla presidenza della banca fu decisa dai vertici della politica senese e nazionale.

A dirlo è lo stesso Mancini nel corso di alcuni verbali di interrogatorio del 2012 ai pm titolari dell'inchiesta su Mps che sono stati depositati all'atto della chiusura delle indagini, e che Reuters ha potuto visionare.

Al momento non è stato possibile contattare per un commento gli esponenti politici elencati da Mancini nei verbali.

"La mia nomina, come quella dell'avvocato Mussari alla guida della banca, fu decisa dai maggiorenti della politica locale e regionale e condivisa dai vertici della politica nazionale", ha dichiarato Mancini secondo i verbali.

Alle riunioni a Siena "partecipavano l'onorevole Franco Ceccuzzi, il segretario provinciale della Margherita Graziano Battisti, il sindaco e il presidente della Provincia di Siena", ha aggiunto Mancini riepilogando i passaggi che lo portarono per la prima volta ai vertici della Fondazione, nel 2006.

A Roma vi fu un'altra riunione "con l'onorevole Francesco Rutelli, alla quale partecipai io e alla quale erano presenti l'onorevole Alberto Monaci, l'onorevole Antonello Giacomelli e Battisti".

Il via libera arrivò da Rutelli, al quale "venne prospettato l'accordo raggiunto e lui diede il suo assenso".

"L'onorevole Ceccuzzi mi riferì che anche per i Ds vi fu un assenso a livello nazionale" e lo stesso Mussari "mi confermò di avere il sostegno del partito a livello nazionale", ha detto Mancini in un altro passaggio del verbale.

Al momento di rinnovare il cda di Mps, nel 2009, Mancini riferisce di aver telefonato a Gianni Letta, storico consigliere dell'ex premier Silvio Berlusconi per chiedergli un appuntamento, "poiché a livello locale e per quanto mi fu riferito a livello regionale vi erano fibrillazioni circa l'indicazione del componente del cda in quota Pdl".

"Nel corso dell'incontro chiesi indicazioni all'onorevole Letta circa la nomina del componente del cda in quota Pdl ed egli mi disse che andava certamente bene la conferma di Andrea Pisaneschi, ma che avrebbe dovuto parlarne con il presidente Berlusconi per la definitiva conferma".

"Ricordo che l'onorevole Letta mi prospettò anche la riconferma del dottor Querci, quale espressione dei soci privati della banca, ed anche su questo nome egli mi disse avrebbe dovuto parlarne con il presidente. Dopo alcuni giorni l'onorevole Letta mi telefonò, mi disse che aveva parlato con l'onorevole Berlusconi e che il Presidente aveva dato il suo assenso alle due nomine", prosegue il verbale dell'interrogatorio.

Condividi articolo