Cerca
Dal
Al
Home Page - Notizie - Dettaglio articolo
Camusso: via tetto 4%? Non si torni indietro
Articolo del 12 luglio 2013

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da ASCA- che ringraziamo - esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di questo sito, che rimane autonoma ed indipendente.


Mps: Camusso, via tetto 4%? Non si torni indietro a modello sbagliato

(ASCA) - Firenze, 12 lug - ''Il passato che ha caratterizzato Mps e' irripetibile, quindi qualunque discussione in cui appare l'idea che bisogna tornare a come si era prima non fa i conti non solo con le questioni giudiziarie, ma anche con il fatto che quello era un modello sbagliato''. Lo ha detto il segretario della Cgil Susanna Camusso, rispondendo ai giornalisti che le chiedevano la sua impressione sul dibattito in merito alla proposta di abolizione del tetto al 4% al diritto di voto dei soci privati del Monte. ''Non si puo', nell'era in cui bisogna ricostruire una funzione delle banche che forniscono servizi alle imprese - ha aggiunto a margine di una iniziativa della Filcams a Firenze - avere l'idea della banca territorio, dispensatrice di tutte le modalita' organizzative e politiche di un territorio. Bisogna avere il coraggio di guardare a una opzione differente che impara dal passato e dai problemi che ci sono stati. Il nostro e' un sistema bancario fragile che ha bisogno di crescere, di diventare piu' grande e che deve proporsi come un interlocutore dello sviluppo e non come un interlocutore del cortile''. Camusso ha anche ricordato che ''con Federconsumatori abbiamo fatto un esposto nei confronti della Consob per la mancata vigilanza e per non aver attuato cio' che la legge le prescrive''. afe/sam/rob


Mps, la banca non deve rimanere legata a passato - Camusso

venerdì 12 luglio 2013 15:38
 
 

ROMA, 12 luglio (Reuters) - Alla vigilia dell'assemblea di Mps chiamata a decidere se eliminare la sterilizzazione dei diritti di voto dei soci privati al 4%, interviene sul tema anche il segretario della Cgil Susanna Camusso che invita la comunità senese a non rimanere legata al passato.

"Il passato che ha caratterizzato Mps è irripetibile, quindi qualunque discussione in cui appare l'idea che bisogna tornare a come si era prima non fa i conti non solo con le questioni giudiziarie, ma anche con il fatto che quello era un modello sbagliato", ha detto la sindacalista a Firenze, a margine di una iniziativa sindacale.

La Camusso ha aggiunto "bisogna avere il coraggio di guardare a una opzione differente che impara dal passato e dai problemi che ci sono stati. Il nostro è un sistema bancario fragile che ha bisogno di crescere, di diventare più grande e che deve proporsi come un interlocutore dello sviluppo e non come un interlocutore del cortile".

Oggi l'abolizione del tetto dei diritti di voto in Mps era all'odg del consiglio comunale di Siena.

Condividi articolo